Bonus Bici 2020: tutto quello che c'è da sapere

bonus bici 2020

Con il bonus bici di 500 euro a partire dal 4 maggio 2020 fino alla fine dell’anno per l’acquisto di una bicicletta, bicicletta elettrica (conosciute anche come e-bike o biciclette a pedalata assistita), monopattini elettrici, hoverboard e segway lo Stato rimborserà il 60% della spesa sostenuta.

ESEMPI DI RIMBORSO CON BONUS MOBILITÀ

1. Acquisto bici 

valore di 833,33 euro

RIMBORSO 500 EURO

2. Acquisto bici 

valore di 1.800 euro

RIMBORSO 500 EURO

3. Acquisto bici 

valore di 500 euro

RIMBORSO 300 EURO

Le motivazioni per le quali il Governo, con il Decreto Rilancio, ha scelto di incentivare questa tipologia di acquisto sostenendola economicamente sono diverse.

In primis c’è il desiderio di dare una svolta al nostro Paese per ripartire dopo il lockdown, per evitare che si torni ai livelli di congestione e inquinamento a cui siamo stati abituati fino ad oggi, dando la possibilità ai cittadini di muoversi con un mezzo che non faccia perdere tempo nel traffico e che non inquini.

C’è da considerare inoltre che tanto più ora che i mezzi pubblici disporranno di meno posti a bordo anche il cittadino della grande Metropoli, meno abituato all’utilizzo della bicicletta, sentirà sempre più il bisogno di girare in autonomia per la città su un mezzo a due ruote, meglio ancora se una bici elettrica.

Altri due sono aspetti da considerare:

  • L’Italia vanta la leadership in Europa per produzione di biciclette, essendo il secondo paese al mondo e oggi impiegando oltre 7.700 persone. Sostenere le aziende del settore significa dare una mano al nostro sistema produttivo che in un momento drammatico come questo ha bisogno di ripartire.
  • I 120 milioni di euro stanziati per questo specifico Bonus provengono dalle cosiddette aste verdi, ovvero tasse che vengono pagate in ambito comunitario e che possono essere spese solo per interventi di miglioramento dell’aria; quindi i soldi spesi dal Governo per sostenere l’acquisto di biciclette elettrice non sarebbe potuto essere utilizzato per altre urgenze.

Che cos'è il bonus bici

Il bonus bici, o meglio bonus mobilità, è un provvedimento introdotto dal Ministero dell’Ambiente, delle Infrastrutture e dei Trasporti per incentivare forme di trasporto sostenibili. Consiste in un contributo pari al 60% della spesa sostenuta, in misura non superiore a 500 euro, per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica.

Chi può richiedere il bonus mobilità

Possono richiedere una sola volta il bonus bici tutti i maggiorenni che sono residenti in una città metropolitana in Italia con oltre 50.000 abitanti: Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma Capitale, Torino, Venezia. Utilizzando l’apposita app in fase di attivazione da parte del Ministero, che sarà accessibile entro 60 giorni dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale.

Sito per richiedere accesso al Bonus Bici di 500 euro LINK non ancora disponibile

Sarà possibile accedere alla piattaforma della app anche attraverso il sito istituzionale del Ministero dell’Ambiente tramite le credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).

Se non sei fornito di una identità digitale, è possibile ottenerla tramite i seguenti Identity Provider:

Come ottenere velocemente lo SPID?

Senza dubbio la soluzione accertata come la più veloce consiste nell’andare sul sito web Poste.it, inserire tutti i dati necessari per richiedere SPID tramite PosteID, per poi recarsi in una qualunque sede di Poste Italiane e, una volta identificati con un documento d’identità in corso di validità e l’SMS ricevuto al momento della richiesta, verranno consegnate allo sportello dall’operatore le credenziali per l’autenticazione.

Il bonus di euro 500 sarà erogato in due fasi

Nella Fase 1 per gli acquisti effettuati dal 4 maggio fino al giorno del lancio della piattaforma della app, il cittadino pagherà inizialmente il prezzo pieno della bici, acquistabile presso qualsiasi negozio, per poi essere rimborsato del 60% della spessa sostenuta.

Per ottenere il buono sconto, conservare la fattura (non lo scontrino) da allegare all’istanza da presentare mediante applicazione web. Nella fattura è necessario indicare il proprio codice fiscale altrimenti il documento non sarà valido per richiedere il rimborso.

Nella Fase 2 che partirà quando la app sarà attiva, la procedura sembrerebbe più semplice, essendo previsto lo sconto diretto. Il cliente infatti pagherà il 40% al negoziante, che verrà successivamente rimborsato. 

Sarà necessario registrarsi sulla piattaforma, indicare il mezzo che si vuole acquistare e generare un buono spesa digitale che sarà consegnato al negoziante o al fornitore autorizzato, insieme al saldo a proprio carico, necessario per ritirare il bene.

I buoni spesa digitali dovranno essere utilizzati entro 30 giorni, pena l’annullamento.

Vi invitiamo a visitare la sezione dedicata su come richiedere il bonus bici per ricevere maggiori informazioni e se desiderate avere qualche consiglio su le migliori vi invitiamo a consultare la nostra pagina dedicata.

CONDIVIDI QUESTO SITO

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email